Nutritext-intolleranze

I test di intolleranza di origine genetiche consentono di identificare le caratteristiche metaboliche ereditarie che determinano la relazione tra geni e nutrizione e come le varianti genetiche possono influenzare la capacità del corpo di assorbire e utilizzare i nutrienti.

PREDISPOSIZIONE ALLA CELIACHIA

Il test per la predisposizione genetica alla celiachia indaga la presenza degli aplotipi DQ2/DQ8. I soggetti positivi per lo screening genetico non sono e non devono essere considerati soggetti patologici ma dovranno eseguire un percorso diagnostico con esami specifici per confermare o escludere lo sviluppo della celiachia.

SCOPRI DI PIU'

SENSIBILITA' ALLA CAFFEINA

Il caffè oltre ad essere tra le bevande più consumate al mondo è lo stimolante maggiormente utilizzato e la caffeina è il suo principale ingrediente psicoattivo. Il consumo di caffè e caffeina può avere effetti protettivi verso lo sviluppo di alcune patologie ma anche essere un fattore di rischio per la salute dell’individuo.

SCOPRI DI PIU'

INTOLLERANZA AL LATTOSIO

Il test per l’intolleranza genetica al lattosio permette di individuare soggetti geneticamente intolleranti al lattosio, ovvero l’inacapacità dell’organismo di digerire lo zucchero contenuto nel latte e nei suoi derivati e zucchero contenuto in molti alimenti e anche negli eccipienti di molti farmaci e il cui introito può causare una varietà di manifestazioni .

SCOPRI DIPIU'

SENSIBILITA' ALL'ALCOOL

La sensibilità all’alcool nasce dalla presenza di difetti genetici che modificano la produzione degli enzimi preposti all’eliminazione dell’etanolo e sono incapaci di metabolizzare le quantità di alcool assunte. I sintomi su persone che manifestano sensibilità all’alcol sono congestione nasale e arrossamento della pelle.

SCOPRI DI PIU'

SENSIBILITA' AL NICHEL

Diversi lavori scientifici hanno evidenziato un’associazione tra polimorfismi genetici (SNPs) e la sensibilità al nichel. Il pannello indaga una variante del gene TNFα e una del gene CLDN1 correlate ad una maggiore sensibilizzazione da contatto a composti organici e dermatite da contatto da nichel.

SCOPRI DI PIU'

SENSIBILITA' ALL'ISTAMINA

Recenti ricerche sono addivenute alla conclusione che l’intolleranza all’istamina (HIT) sia correlata a un accumulo di istamina. L’intolleranza all’istamina è una condizione in cui il metabolismo ha difficoltà a scomporre l’istamina che è  un composto naturale prodotto dal nostro sistema immunitario.

SCOPRI DI PIU'

TEST INTOLLERANZA COMPLETO

L’alimentazione è fondamentale in quest’ottica e attraverso le recenti scoperte nell’ambito della nutrigenetica, è oggi possibile capire come il nostro corpo reagisce a determinati alimenti.  Vengono pertanto effettuati una serie di test genetici mirati ad indagare polimorfismi che predispongono a condizioni che possono incidere sulla salute dell’individuo.

 

SCOPRI DI PIU'
CHAT